Quel che resta dell’incontro di Cagliari. “Ogni luogo ha la sua presentazione”

Posti , luoghi e libri.

Presentare lo stesso romanzo alla lunga potrebbe diventare noioso. La storia è quella, i personaggi che ci vivono anche, gli obiettivi che ci hanno spinto a scriverla, ça va, sono sempre gli stessi.

Cos’è dunque che rende vive le presentazioni? Chi dà vita nuova, ogni volta, agli incontri?

I luoghi e le persone che arrivano, che sono sempre differenti.

E ieri essere all’Ex manicomio, nel padiglione E, della Cittadella della Salute, a Cagliari mi ha permesso un incontro molto differente da quelli realizzati fino ad oggi.

Dalla sua parte per un po’ non è stato il mio romanzo di esordio, ma con gli ospiti abbiamo “scavato” insieme, parlato e chiacchierato della mia esperienza personale, del mio legame con la malattia mentale. Di quello che c’è di me in questa storia. E lo abbiamo fatto con spontaneità, naturalezza, perché chi era lì volevo che vivesse quest’incontro in questo modo.

Abbiamo parlato di esperienze di vita tra persone sconosciute che, tuttavia, hanno in comune la conoscenza della malattia mentale.

I libri sono oggetti preziosi, si mettono lì, a raccontare storie che poi in ogni luogo possiamo presentare prendendo in considerazione aspetti molto differenti tra loro, ma ci accorgiamo poi, che, seppur in modo diverso ogni volta parlano dell’uomo, all’uomo.

E’ sufficiente chiacchierare, e ad ascoltare chi è con noi per intraprendere il viaggio che le parole ci regalano.

Grazie a tutti. A Paolo che mi ha detto: “Io sono un lettore, leggo molto perché mi fa bene, ma sono anche uno sportivo perché lo sport mi fa bene”. A Francesca che non aveva i soldi per Dalla sua parte ma non riusciva ad andare via senza il libro e così gliel’abbiamo regalato. Alla mamma che ha raccontato la sua storia familiare, a chi ascoltava silenzioso, a chi rideva, e a chi c’era. Alla ragazza riccia che mi ha detto, Oh no! Avevo capito che tu fossi Isabel Allende, e mi ha fatto ridere moltissimo. “No, no, sono solo Isabella! Ma leggi Dalla sua parte, se ti va, potrebbe piacerti anche Isabella Borghese”.

A Gisella, a Roberto per le parole spese.  Alla mia sorellina sarda, Maria, e a Tiziana che dopo anni di conoscenza su facebook finalmente sono riuscita ad abbracciare. E grazie anche alla ragazza che mi ha stretto la mano dicendomi “Anche io voglio diventare una scrittrice, ho tante cose, penso che le spedirò a qualcuno”. E io le ho sorriso e mi son detta che anche i sogni degli uomini possono essere così vicini da farci capire che nessuno può permettersi di rovinare quello di chi ci vive accanto.

E così, nella bellezza di questa serata, mi son rimessa le mie scarpette salde, forti, il mio vestito da autrice di Dalla sua parte, pronta a riprendere i viaggi per proseguire il mio lavoro, con l’obiettivo che avevo sin da piccola, diventare una scrittrice. Promuovere i libri talvolta è faticoso, ma i confronti con le persone ci ripagano di ogni stanchezza e sono un grande stimolo ad andare avanti.

Sono i lettori la forza e le gambe dei nostri libri.

Speriamo di proseguire il percorso con le associazioni.

A presto,

Rose

Annunci

4 thoughts on “Quel che resta dell’incontro di Cagliari. “Ogni luogo ha la sua presentazione”

  1. Grazie a te Isabella per questo incontro!!! In questi anni di conoscenza su Fb era come se ti avessi già conosciuta di persona!!! Vederti…. nessuna sorpresa…. semmai una piacevole conferma!!!! Hai la straordinaria capacità di “arrivare” alle persone, con eleganza, discrezione e semplicità, che tu scriva un articolo, un commento su Fb o un bellissimo libro come “Dalla sua parte”! Un’intelligenza vivace che, unita alla tua sensibilità, alla scioltezza letteraria, all’evidente cultura, ti consentono di focalizzare il tema che vuoi descrivere estrapolando pensieri e concetti complicati, per poi restituirli al lettore in una maniera più semplice e comprensibile…. e non per questo meno profondi. Sei COMUNICAZIONE allo stato puro!!!! È evidente che gli scambi e gli incontri ti piacciano e rappresentino il tuo habitat naturale! Guardarti ieri, percepire il tuo entusiasmo e la gioia di trovarti lì…. era un piacere indescrivibile!!!! Sei speciale Isa!!!! Ti abbraccio forte…. A presto!!!

    • grazie a Te, Tiziana stesso piacere. Su facebook c’è il rischio di dare un’immagine di sé lontana dalla realtà, spero sempre di non cadere in questo errore perché è molto importante riuscire a mantenere un profilo onesto per se stessi, gli amici, i conoscenti e i lettori. ci sentiamo presto, grazie ancora delle tua partecipazione e del grande piacere di averti – finalmente – conosciuta. un abbraccio

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...