Ortensia. Esiste forse un nome più bello?

Ortensia non è il suo vero nome, ma a lei piace così, persino il suo gatto lo sa. Da anni si diletta nel guardarsi allo specchio, gioiosa, soddisfatta. Sospira e si racconta, Ma quanta bellezza nel chiamarsi Ortensia!

E spera poi di possedere anche lo splendore della pianta, che ha il suo stesso nome, e  che pittura la vista di rosa, o di blu, i colori delle bambine e dei bambini.

Alla anagrafe Ortensia è registrata come Lavinia, Maria. Lavinia, come la zia che ha perso due mariti: il primo in un incidente stradale. Il secondo invece un tipo bizzarro, ma anche sfortunato. Se ne è andato a causa della sua incoscienza, o del suo reputarsi onnipotente, chi lo sa. Un giorno ha deciso di saltare dal balcone del secondo piano a quello accanto per entrare da una finestra e riuscire ad aprire una porta da dentro. Il salto l’ha poi fatto, sì, ma nel vuoto: una settimana di coma, poi la morte.

Maria, invece, è il nome della zia rimasta zitella fino a settantadue anni. Età in cui è stata trasferita in una clinica per anziani. E’ lì che si è fidanzata con il signor Gerardo, di ottantanove anni. E lui che non si ricordava mai se Maria fosse lei, la fidanzata, o se piuttosto avesse davanti a sé Michela l’infermiera, o Castalda la segretaria del medico.

Gerardo sapeva solo che ogni tanto d’improvviso ad ammonirlo era la voce pungente di questa donna che non ammetteva dimenticanze: “E Gerardo – gridava sventolando all’aria la mano destra, in segno di rabbia – sono Maria. Maria, la tua fidanzata. Chi altri?”. E poi: “Come puoi confondermi?” E lui: “Con tutte le fidanzate che ho avuto Maria, mi confondo! Sono vecchio ormai!”

Ma Maria ci aveva impiegato settantadue anni a trovare un compagno. Come poteva adesso perdonare di essere confusa con un’altra donna? Lavinia, Maria, un nome sfortunato. Non c’è che dire.

Ortensia, invece, figlia di una pianta, rosa o azzurra, color di bambina, o di bambino. Esiste forse un nome più bello?

di Isabella Borghese

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...